https://www.jgambin.com/img/galeria/121/Kaki_GAMBIN-2.jpg
I ricercatori giapponesi concludono che il cachi può ridurre gli effetti del Covid-19
  • 14 dicembre 2021

Un gruppo di ricerca dell' Università Medica di Nara nella città di Kashihara, situata nell' ovest del Giappone, ha annunciato che gli esperimenti effettuati sui criceti hanno rivelato che la saliva contenente succo amaro o tannino estratto dal cachi ha fatto sì che questi avessero meno probabilità di essere infettati dal COVID-19 o di sviluppare sintomi gravi.

La conclusione del gruppo è stata pubblicata nella versione online della rivista britannica Scientific Reports l'8 dicembre, così come nella rivista Nature (leggi il rapporto qui https://rdcu.be/cDbw2).

L'esperimento è stato condotto da un gruppo che comprende il professore di immunologia Toshihiro Ito e Hisakazu Yano, professore di microbiologia e malattie infettive. I ricercatori hanno osservato come stavano i criceti a cui era stato somministrato tannino di cachi ad alta purezza nella cavità orale, e quelli che non lo erano, dopo tre giorni di infezione con il coronavirus.

I criceti che non avevano ricevuto una somministrazione avevano un'alta carica virale nei loro polmoni e hanno sviluppato una polmonite. Invece, i criceti che avevano ricevuto il tannino di cachi avevano una bassa carica virale nei loro polmoni e non mostravano segni di polmonite.

Inoltre, quando i criceti trattati con tannino di cachi e i criceti non trattati sono stati messi nella stessa gabbia di quelli infettati con il virus COVID-19 per 30 minuti, nessun virus è stato rilevato nei polmoni dei criceti trattati una settimana dopo.

Nel settembre 2020, il gruppo di Ito confermò in esperimenti in vitro che il tannino di cachi ha l'effetto di ridurre l'infettività del coronavirus nella saliva. Il gruppo dice che l'esperimento con i criceti ha dimostrato che è difficile essere infettati dal coronavirus o sviluppare sintomi gravi se la saliva contiene tannino di cachi.

Ito spiegò: "Dai risultati del modello animale, possiamo aspettarci di usare il tannino di cachi per prevenire e trattare le infezioni da coronavirus. Attualmente stiamo conducendo una ricerca clinica sugli esseri umani.”

All'inizio di questa stagione, GAMBÍN ha lanciato la sua linea di cachi prodotto nella Comunità Valenciana, disponibile nei mercati di tutta Europa.

Resta in contatto con Gambín

Iscriviti alla nostra newsletter

Certificazioni di qualità

GLOBALGAP GRASP
GLOBALGAP GRASP
BRC FOOD SAFETY